Slideology e altre tecniche di progettazione dei corsi elearning


Chi si occupa di scrivere professionalmente in Italia di sicuro conosce il blog Il Mestiere di Scrivere di Luisa Carrada, un sicuro punto di riferimento per questi temi.

Forse non tutti sanno che ci sono anche ottimi consigli per chi si occupa di preparare slide per l’elearning, spesso tratti dai guru del design e della scrittura.  Leggi il resto dell’articolo

Usare power point creativamente nell’elearning


Non c’è molto da aggiungere, se non che è un bellissimo esempio pratico di come va utilizzato power point quando si progetta per l’elearning.  Leggi il resto dell’articolo

Pubblicare per iPad con Raptivity, Articulate Suite ’12 e Articulate Storyline


Per chi si occupa di elearning, l’avvento dei tablet e dell’iPad è sicuramente un segnale interessante e positivo: se i dispositivi di produttività diventano mobili, anche la formazione online può diventare sempre più importante – visto che già di sua natura è indipendente da tempo e spazio.

Al tempo stesso, questa innovazione si porta dietro una serie di problemi da risolvere non piccoli.  Leggi il resto dell’articolo

Snap e Articulate: due cose diverse!


Ho provato Snap (vedi questo post che ne annunciava l’uscita) e posso confermare le prime impressioni:

  • Snap è quasi uguale a Presenter, e in effetti costa 1/5…. Il differenziale di prezzo è giustificato se si usano tutte le funzioni di Presenter (ci sono molte opzioni di possibile personalizzazione in più), altrimenti per un uso come semplice “scormizzatore” rapido di contenuti Snap vale la candela, abbondantemente.
  • Snap è facile da usare…. per forza: è praticamente uguale a Presenter! La qualità dell’output pubblicato è molto buona, a prima vista, anche se andrebbe provata nel dettaglio.
  • Il vantaggio di Articulate sta nel suo essere una suite integrata: le interazioni engage da sole valgono probabilmente il prezzo
  • L’altro vantaggio di Articulate, per ora, è la community che esiste da molti anni ed è stracolma di esempi, tutorial, risorse gratis …. Se Snap prenderà piede, può darsi che pian piano anche la relativa community si popoli di contenuti e risorse.
Questa novità, a mio parere, apre un nuovo micro-scenario nel panorama degli strumenti di authoring:
  • low cost, no-frills, good quality: per chi ha poche esigenze, e cerca uno scormizzatore che costi veramente poco e dia buoni risultati Snap è una buona scelta
  • medio prezzo, buona qualità se si impara a usarlo bene (e a usare bene Power Point…): Articulate resta la scelta migliore per questo che penso sia uno dei segmenti più ampi
Per tutto il resto, cioé per chi ha bisogno di strumenti più complicati e più costosi, restano i vari Lectora, Raptivity eccetera.
Tutto questo, finché non vedremo Storyline che promette di essere un altro strumento che tra pochi mesi cambierà di nuovo il panorama (http://community.articulate.com/forums/t/1694.aspx).

Snap – 99 $ – può far fuori Articulate?


Perché pagare $ 999 quello che si può avere con $ 99?

Fino ad oggi, perché quello da 99 non c’era!

UPDATE: occhio ai commenti, nel frattempo sia noi che qualche lettore abbiamo provato il prodotto più a fondo

Leggi il resto dell’articolo

Produzione contenuti elearning: grafica per i vostri corsi


Grazie alla generosa comunità dei supereroi Articulate, vi segnalo alcuni strumenti molto divertenti (e utili) per i vostri prossimi corsi:

In questo post, trovate anche i tutorial per utilizzare correttamente questi strumenti (e altri).

Buon divertimento!

Creare corsi elearning: quali software usare?


Francamente ne abbiamo scritto già un sacco di volte, ma è un argomento sempreverde e ci arrivano sempre più richieste su questo tema, per cui vale la pena rinfrescarlo.  Leggi il resto dell’articolo

Passare dallo sfogliaslide all’interattività


Se lavorate nell’e-learning, vi sarà familiare il fatto che i clienti ai primi passi vi chiedono solo “prendi queste slide e mettile online”. Di solito, quasi subito si passa al livello successivo (migliorare sul visual design del corso) e dopo ulteriori esperienze ci si rende conto che è meglio passare da un apprendimento meramente trasmissivo a uno un po’ più centrato sull’utente e più interattivo, per cui vi si chiede “metti dell’interattività”. Per la verità, questo lo si potrebbe sapere fin dall’inizio ma 1) non sempre chi crea i corsi è capace di passare subito al “terzo livello” e 2) le aziende devono prima sbatterci il muso da sole sul basso coinvolgimento degli utenti nei corsi meramente trasmissivi. In gergo, gli “sfogliaslide”. C’è un recente post di Tom Kuhlmann con una semplice Roadmap per un elearning di migliore qualità che racconta quella che viene chiamata la “storia del Rapid E-learning”.

Leggi il resto dell’articolo

10 consigli per usare le tabelle nel vostro corso e-learning


Segnaliamo il nuovo post di Tom Kuhlmann del blog di Articulate, che – come sempre – ci fornisce consigli molto pratici.

In questo caso l’argomento è l’utilizzo delle tabelle all’interno di un corso e-learning.

L’articolo ci suggerisce 10 consigli pratici, dall’approccio “senza fronzoli” a quello dell’immagine guidata o del media tour, dal “disvelamento progressivo” alle annotazioni alle tabelle html dinamiche.  L’articolo è qui.

Come sempre, l’articolo ha il grandissimo pregio di illustrare tecniche – peraltro ben conosciute a tutti gli utilizzatori di Articulate Presenter e Engage, spesso già illustrate in post precedenti – applicandole magistralmente a un esempio concreto.

La visualizzazione di informazioni in forma tabellare è una delle sfide più ostiche del cosiddetto “instructional design” (in parole povere: come rappresentare visivamente dei contenuti in modo che siano comprensibili? E in modo che la fruizione dei contenuti ne consenta l’apprendimento).

Rappresentare una tabella utilizzando creativamente le tecniche di visualizzazione suggerite dall’articolo può consentirvi di trasformare un contenuto noioso o non particolarmente illuminante in qualcosa di più coinvolgente.

Già che ci sono, integro l’articolo con qualche contenuto sul tema della data visualization:

http://sethgodin.typepad.com/seths_blog/2007/08/how-to-make-a-p.html

http://sethgodin.typepad.com/seths_blog/2008/07/the-three-laws.html

http://www.excelcharts.com/blog/the-inner-beauty-of-business-charts/

http://sethgodin.typepad.com/seths_blog/2009/07/how-to-make-graphs-that-work.html

http://www.presentationzen.com/presentationzen/2007/06/one-secret-to-a.html

http://www.excelcharts.com/blog/misconceptions-charts-graphs/

Ma voi che cosa fate?


Ma cosa fate?

C’è il sito, ci sono le presentazioni, c’è Linked In, c’è il blog… eppure – finché i clienti  non ci conoscono -risulta a volte complicato spiegare cosa facciamo.

In sintesi, siamo dei consulenti e aiutiamo le imprese (o gli enti di formazione, o la pubblica amministrazione) ad aggiungere al loro arsenale di strumenti di cambiamento e miglioramento anche le armi che vanno sotto il nome generico di e-learning.

Queste armi sono fatte certamente da tecnologie ma per noi sono fatte prima di tutto da persone, processi, organizzazione e cultura. Solo con queste premesse metodologiche e organizzative le tecnologie (gli applicativi, i corsi, il multimediale…) possono servire a qualcosa. In due anni e mezzo di blogging non abbiamo mai scritto nulla di autopromozionale (per quello c’è il sito) ma – visto che sempre più spesso ci troviamo a dover spiegare quello che facciamo ad aziende che non ci conoscono ho pensato di creare un articolo apposito “Ma cosa fanno questi di Elearnit?”. Ecco i nostri servizi, spiegati magari meglio del solito… Leggi il resto dell’articolo

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 152 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: